Mercato del lavoro: occupati, disoccupati e inattivi in Italia (1977-2020)

Nel 2020 il tasso di disoccupazione è al 9,4%; nel 2008, prima della crisi, era al 6,8%. Significa che oggi ci sono molte meno persone che lavorano? Non proprio, vediamo perché.


(aggiornato con i dati 2020)

Il problema è che tutti parlano di tasso di disoccupazione ma pochi sanno come viene calcolato e quindi qual è il suo vero significato.

In realtà le cose sono semplici. In termini di mercato del lavoro la popolazione italiana viene suddivisa in tre categorie:

  • gli occupati, ovvero coloro che svolgono una regolare attività lavorativa;
  • i disoccupati, ovvero chi non lavora ma è in cerca di un lavoro;
  • gli inattivi, ovvero chi non lavora per scelta e quindi non cerca neanche un lavoro.

Gli occupati e i disoccupati sommati insieme vengono anche definiti attivi (in contrapposizione a inattivi) o forza lavoro.
Il tasso di disoccupazione non è altro che il rapporto espresso in percentuale tra i disoccupati e gli attivi. Quindi se ci sono 10 occupati e 2 disoccupati il tasso di disoccupazione è dato da 2 diviso 12 (il 16,7%). In pratica gli inattivi non vengono mai considerati nel calcolo.

Chiarito questo, andiamo ad osservare il grafico riferito alla classe di età 15-64 anni, cioè quella che convenzionalmente rappresenta la parte di popolazione in età da lavoro:

Mercato del lavoro: occupati, disoccupati e inattivi in Italia tra i 15 e i 64 anni (1977-2020)Possiamo subito notare che il tasso di disoccupazione, essendo riferito solo alla forza lavoro, è superiore alla percentuale di disoccupati che invece tiene in considerazione tutta la popolazione. E` un errore abbastanza comune confondere le due cose.

Si può osservare che la percentuale di disoccupati in Italia è variata seguendo dei cicli: era bassa nel 1977 (il 3,7%); è cresciuta lentamente per una ventina di anni toccando un picco del 6,9% nel 1998; è ridiscesa al 3,8% nel 2007. Con le crisi economiche del 2008 e del 2012-13 la disoccupazione è salita velocemente toccando il livello massimo del periodo considerato con l’8,2% nel 2014. Negli ultimi anni si assiste ad una ripresa della tendenza a scendere.

Se si passa ad osservare la serie di valori relativi alla percentuale degli occupati, ci si aspetterebbe un andamento perfettamente speculare a quello dei disoccupati, ma osservando bene ci si accorge che non è proprio così.

Come si è visto la disoccupazione nel 1977 e nel 2007 era più o meno agli stessi livelli, ma se si osserva la serie degli occupati ci si accorge che nel 2007 il valore è più elevato di ben quattro punti percentuali rispetto al 1977. A parità di disoccupazione, come ha fatto l’occupazione ad aumentare? La risposta è ovviamente nella serie di valori degli inattivi che, come si può notare, mostra complessivamente una tendenza al calo in tutto il periodo considerato. In sostanza una parte degli inattivi è passata agli occupati.

Oggi ci si lamenta molto del fatto che i disoccupati sono ancora ben superiori ai livelli pre-crisi, ma se si va a vedere gli occupati, ci si rende conto che il loro numero ha già quasi recuperato il livello del 2008, questo nonostante la grave crisi covid del 2020. Questa volta è successo che una parte degli inattivi è tornata ad essere attiva cercando lavoro (in particolare dal 2012), ma non lo ha ancora trovato. Avere gli stessi occupati e meno inattivi può sembrare una cosa positiva, ma in questo modo sono aumentati i disoccupati.

La quasi costante decrescita degli inattivi nel tempo deriva esclusivamente dal fatto che più donne lavorano o cercano lavoro, mentre per gli uomini la percentuale di inattività è addirittura leggermente aumentata.

Ve detto che nelle statistiche per risultare occupati è sufficiente lavorare poche ore a settimana. Se molte persone hanno lavori ad orari ridotti, i dati sull’occupazione possono risultare falsati. Proprio per tenere conto di questo aspetto, nel grafico è stata inserita la serie di dati con le ore lavorate in media da un occupato in un anno.

In effetti si può notare che dal 2000 al 2003 c’è stata una prima riduzione delle ore lavorate in una fase nella quale gli occupati crescevano in modo sostenuto. Si può dire che in questo periodo sia stato seguito il principio del “lavorare meno, lavorare tutti”.

Quando sono arrivate le due crisi economiche del 2009 e del 2012-13, però, ad un rapido decremento delle ore lavorate è corrisposto anche una riduzione degli occupati, ad evidenziare la negatività della situazione.

Da notare come nel 2020 il tasso di occupazione sia calato tutto sommato meno di quanto ci si potesse aspettare (dal 59% al 58,1%) ma accompagnato da un vero e proprio crollo delle ore lavorate (da 1715 a 1559). La situazione del lavoro nel 2020, quindi, è più grave di quanto sembri dai soli dati sull’occupazione.

Il tasso dei disoccupati nel 2020 è calato (dal 6,7% al 6%) grazie al fatto che sono aumentati gli inattivi (dal 34,3% al 35,9%). Il tasso di disoccupazione (che, come detto, è diverso dal tasso dei disoccupati) è anch’esso diminuito passando dal 10,2% al 9,4%.

Negli ultimi anni ci sono state molte polemiche riguardo la riforma del diritto del lavoro varata a partire dal 2014 (il cosiddetto jobs act) che avrebbe appunto creato molti lavoretti da poche ore falsando i dati che mostrano una ripresa dell’occupazione. Dai dati però non sembra esserci nessuna ulteriore riduzione delle ore lavorate (crisi 2020 a parte).

Bisogna dire che la riduzione delle ore lavorate di per sé può anche essere una cosa positiva se non ha effetti negativi sull’economia. Significa semplicemente che è aumentata la produttività oraria del lavoro o che sono aumentati i lavoratori. Considerando che dai primi anni 2000 la produttività oraria in Italia è quasi ferma, significa che gli incrementi del PIL che abbiamo avuto da allora sono dovuti solo all’incremento degli occupati.

Vale la pena trattare il caso della disoccupazione giovanile, sulla quale viene fatta molta polemica politica in quanto negli ultimi anni il tasso di disoccupazione ha raggiunto livelli superiori al 40%. Anche in questo caso il tasso di disoccupazione se non ben interpretato rischia di far credere che in Italia il 40% dei giovani sia alla disperata ricerca di un lavoro che non trova. Vediamo come sta la situazione con un grafico riferito alla classe di età 15-24 anni:

Mercato del lavoro: occupati, disoccupati e inattivi in Italia tra i 15 e i 24 anni (1977-2020)Come si vede in realtà nel periodo attuale i giovani disoccupati che sono all’attiva ricerca di un lavoro sono solo intorno all’8% del totale, questo perché tra i giovani è molto elevata la percentuale degli inattivi.

Inoltre, se si osserva l’andamento nel tempo, ci si rende conto che nonostante le crisi economiche degli ultimi anni, i disoccupati tra i giovani erano di più negli anni ‘80 e ‘90. Come è possibile? La risposta viene sempre dalla categoria degli inattivi che in questo caso, al contrario del precedente, ha una tendenza a crescere. In pratica i giovani hanno deciso di non lavorare sempre di più per scelta, andando a ridurre molto la percentuale degli occupati, ma in misura minore anche quella di chi il lavoro lo sta cercando.

L’incremento degli inattivi non è necessariamente un fenomeno da considerare negativo. In linea di principio se una persona decide di non lavorare per scelta significa che gode comunque di un certo livello di benessere, quantomeno adeguato alle sue esigenze. Evidentemente nel tempo i giovani hanno goduto di maggiore benessere e quindi preferiscono ritardare la ricerca di una occupazione, magari dedicandosi allo studio.

Nel 2020 il tasso di occupazione giovanile è calato passando dal 18,5% al 16,8%. Il tasso dei disoccupati è passato dal 7,6% al 7%, mentre gli inattivi sono passati dal 73,9% al 76,2%. Il tasso di disoccupazione si è leggermente incrementato dal 29,2% al 29,4%.

Altro argomento sul quale viene fatta molta polemica politica è quello relativo agli stranieri. In particolare c’è chi sostiene che gli immigrati vengano in Italia “a spassarsela” e non a lavorare. Anche in questo caso vediamo come è la situazione in base ai dati ISTAT:

Mercato del lavoro: occupati, disoccupati e inattivi in Italia tra i 15 e i 64 anni stranieri e italiani (2004-2020)Come si può notare, in realtà la percentuale di occupati tra gli stranieri per lungo tempo è stata maggiore di quella relativa ai soli italiani. Le crisi economiche degli ultimi anni hanno colpito duramente l’occupazione straniera tanto che nel 2020 il tasso si è praticamente allineato a quello degli italiani. La differenza nel tasso di inattività è maggiore, ad indicare che gli stranieri risultano decisamente più “attivi” nel mercato del lavoro rispetto agli italiani. Questa maggiore attività porta però anche ad una percentuale maggiore di chi cerca un lavoro, ovvero di disoccupati (e del relativo tasso di disoccupazione, qui non rappresentato per non creare troppa confusione).

 


Fonti

I dati sono tratti dal sito Dati ISTAT sezione “Lavoro e retribuzioni; Offerta di lavoro; Occupazione” selezionando le voci “Tasso di occupazione” e “Tasso di attività”. La percentuale dei disoccupati è stata calcolata sottraendo al tasso di attività il tasso di occupazione.

I dati delle ore lavorate per occupato sono tratti dal sito AMECO sezione “Domestic product; Gross domestic product per hour worked; Average annual hours worked per person employed (NLHA)”.
A partire dal 2016 i dati sono tratti dal sito dati ISTAT sezione “Conti nazionali; Conti e aggregati economici nazionali annuali; Occupazione regolare e irregolare; Occupati, unità di lavoro, posizioni lavorative e ore lavorate”. Il valore è ottenuto dividendo la serie “Ore lavorate” per la serie “Occupati”.

 

Precedente Tassi di interesse medi pagati sul debito pubblico in Italia (1980-2020) Successivo Spesa pubblica reale per settore d’impiego in Italia (1995-2019)